Armadio: Come organizzare l’armadio velocemente e senza stress

Qualche consiglio per organizzare l’armadio al meglio, in modo da trovare subito tutto ciò che serve e non dire mai più “Oddio cosa mi metto?”.

Organizzare l’armadio

Un guardaroba ben organizzato è il primo passo per avere una vita più semplice!

Ogni istante milioni di donne nel mondo esclamano davanti al proprio armadio “Non ho niente da mettere!”.

La naturale conseguenza è acquistare nuovi capi d’abbigliamento e accessori che s’indossano un paio di volte e poi finiscono nel dimenticatoio con il risultato di rendere l’armadio sempre più caotico.

Per non impazzire e trovare con un rapido colpo d’occhio ciò che serve, è indispensabile organizzare l’armadio almeno 1 volta l’anno (meglio 2, all’inizio della Primavera e all’inizio dell’Autunno, con i cambi stagione).

Come ogni lavoro che contiene le magiche parole “Organizzare, ordinare, sistemare” spaventa e induce alla fuga: si prospettano intere giornate passate a scegliere, pulire, piegare, fare e disfare.

Ma con qualche piccola strategia si può organizzare l’armadio in modo semplice e veloce ottenendo il massimo risultato con il minimo sforzo.

Come organizzare l’armadio velocemente

Ecco qualche suggerimento per sbrigarsela velocemente e senza stress.

1) Togliere dall’armadio vestiti, camicie, pantaloni, gonne, maglie e maglioni e disporli sul pavimento o sul letto.

2) Obiettività: scegliere ciò che ancora si utilizza e ciò che, invece, appartiene al passato. Se un abito è troppo largo o troppo stretto è ora di dirgli addio.

3) Prendere 4 scatoloni:

– 1 per ciò che usiamo con maggiore frequenza: abiti da lavoro o casual;

– 1 per indumenti più eleganti che indossiamo per uscire la sera o per le occasioni;

– 1 per abiti che non usiamo più ma ancora in buono stato che posiamo donare a chi ne ha veramente bisogno;

– 1 per vestiti logori o rovinati, da gettare nell’immondizia.

4) A questo punto bisogna riempire nuovamente il guardaroba.

Separare gli indumenti Primavera/Estate da quelli Autunno/inverno e riporli in 2 aree diverse dell’armadio.

5) Con l’aiuto di semplici divisori (si trovano in qualunque ipermercato o negozio di articoli per la casa) appendere gli abiti sulle grucce separando gli abiti di uso quotidiano da quelli per le occasioni.

5) Appendere vestiti, camicie e pantaloni. Maglie e maglioni, invece, devono essere piegati e disposti sui ripiani, anch’essi suddivisi in base al criterio “uso quotidiano/occasioni”.

7) Se ci sono indumenti che vengono indossati sempre abbinati, appenderli insieme sulla medesima stampella. Ad esempio un paio di pantaloni con una camicia o un pullover: così si troveranno subito entrambi.

8) Reggiseni, slip, boxer, sottovesti e biancheria intima in generale deve essere disposta nei cassetti suddivisa per categoria: in un cassetto solo reggiseni, in un altro solo slip, in un altro solo calze, in un altro solo calzini e così via.

Se non si dispone di abbastanza cassetti si possono acquistare le cassettiere estraibili.

Vantaggi di organizzare l’armadio

1) Si risparmia tempo: si trova subito tutto con una rapida occhiata

2) Si avranno outfit praticamente già pronti senza impazzire per trovare quel maglione che stava così bene con quella gonna ma che “chissà dov’è finito?”.

3) Si ha chiara la situazione di cosa già si ha e di cosa, invece, realmente manca e, dunque, si faranno acquisti utili senza sprecare denaro

4) Non si corre il rischio di presentarsi a lavoro con abiti adatti allo svago o viceversa perché non si sa cosa indossare

5) Non si corre il rischio di ridursi a uscire più giorni con gli stessi abiti perché non si trova nulla nel guardaroba

6) Liberarsi da ciò che è vecchio e legato al passato ci libera anche mentalmente da ciò che è inutile e ci aiuta a focalizzarci sul presente e su chi siamo oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *