Home News Ragusa, positivo alla cocaina investe e uccide giovane mamma
Loading...

Ragusa, positivo alla cocaina investe e uccide giovane mamma

8 min read
0
0
43
Loading...

Ancora due morti in provincia di Ragusa. Entrambi a Scicli. Una ragazza travolta a Cava D’Aliga da un autista risultato positivo alla droga. Morto anche un 16enne finito contro un albero in moto

Scicli (Ragusa), 15 luglio 2019  –  Aveva assunto cocaina e metadone l’autista che ieri notte ha travolto e ucciso la giovane Martina Aprile, ferendo la persona che era con lei, a Scicli, in provincia di Ragusa. L’uomo è stato arrestato per omicidio stradale.

Con la sua Lancia Ypsilon, un sciclitano di 34 anni, ha investito la giovane mamma

il figlio ha pochi mesi, che stava terminando il servizio di cameriera nel vicino ristorante “L’ancora” di Cava d’Aliga, ed era uscita agettare la spazzatura con un collega. 

Loading...

La donna è stata trascinata per alcuni metri, insieme al carrello metallico che stava spingendo, ed è caduta a terra senza vita, inutile l’intervento del soccorso del 118. Non grave il 41enne che era con lei, è già stato dimesso dal nosocomio.

I carabinieri della Tenenza sono intervenuti intorno all’1. I militari, dopo i primi rilevamenti, hanno accompagnato conducente del veicolo, pure lui cameriere, a sottoporsi a esami presso l’ospedale di Modica dove è stato riscontrato positivo a cocaina e metadone.

Il 34enne è stato subito arrestato per omicidio stradale aggravato, e condotto nel carcere di Ragusa.

Poche ore dopo, sempre nel comune siciliano, un altro incidente fatale. La vittima è un ragazzo extracomunitario di 16 anni. Il giovane a bordo di un ciclomotore è finito contro un albero in via Vitaliano Brancati nella frazione di Jungi, perdendo la vita. Il giovane, secondo alcuni testimoni, stava impennando il motorino.

Loading...
Loading...

Check Also

Maria de Filippi stanca? la confessione: “Crollerò”. Addio anche a C’è posta per te: “Devo cambiare”

Loading... Maria de Filippi stanca? la confessione: “Crollerò”. Addio anche a C’è posta pe…